• Terra di confine, ricca di storia, rocche e castelli
  • Natura incontaminata, escursioni in montagna, laghi di altura
  • Prodotti tipici e cucina tradizionale per un soggiorno rilassante

Tematiche
My Web

Comune gemellato con Czosnòw


Web Site Visits
 Sabato 29/4/2017
 Visite: 321357
 Oggi: 33

Il Cicolano dei briganti al muro

La gelosia (11 Agosto 1866)

Vincenzo Benedetti della banda Orfei, la sera dell'undici Agosto, in compagnia di Francesco Fattore, si recò a Gamagna dove aveva un conto in sospeso con Bernardino Di Filippo, il quale l'anno precedente aveva tentato di farlo arrestare perché renitente alla leva. Dopo averlo cercato per tutto il paese inutilmente, il brigante sfogò la sua vendetta sul fratello Domenico, che fatto uscire dall'osteria e ferito più volte venne ucciso da Cesare Lancia che lo odiava per gelosia di una donna. Venne fatto oggetto d'inaudite sevizie e ucciso a colpi di stilo, appena poco fuori dall'abitato.
Dopo l'assassinio del venticinquenne Domenico Di Filippo la stessa banda il 10 Settembre uccise a colpi di stilo Giuseppe D'Ulisse di Tufo nei pressi del Molino del Barone D.Luigi Arnone a Campolano.

Autore: Pietro Inches - (Rieti)

Pubblicata il 31/08/2006 alle ore 13:34