• Terra di confine, ricca di storia, rocche e castelli
  • Natura incontaminata, escursioni in montagna, laghi di altura
  • Prodotti tipici e cucina tradizionale per un soggiorno rilassante
Tematiche
My Web

Comune gemellato con Czosnòw


Web Site Visits
 Lunedì 27/3/2017
 Visite: 316816
 Oggi: 62

Il Cicolano dei briganti al muro

L'assoluzione (31 Maggio 1863)

I briganti della banda Vulpiani dopo aver mangiato e bevuto in una casa di Alzano la rovistarono da cima a fondo rubando denari ed altri oggetti. Quella stessa notte raggiunsero il villaggio di Collemaggiore per sequestrare Don Alessandro De Sanctis colpevole di aver negato l'assoluzione al Vulpiani. Circondata la casa parrocchiale ed abbattuta la porta a colpi di scure entrarono all'interno mettendo tutto sottosopra. Alla fine scovarono il prete nella canna del camino, dove si era nascosto e lo portarono alla macchia trattenendolo per 11 giorni. Essendo un bravo oratore la sera dopo il rosario lo obbligavano a fare la predica. Lo liberarono dopo il pagamento di 2.000 £ di riscatto da parte dei familiari.

Autore: Giovanna Filocamo - (Frosinone)

Pubblicata il 31/08/2006 alle ore 14:30