• Terra di confine, ricca di storia, rocche e castelli
  • Natura incontaminata, escursioni in montagna, laghi di altura
  • Prodotti tipici e cucina tradizionale per un soggiorno rilassante

Tematiche
My Web

Comune gemellato con Czosnòw


Web Site Visits
 Sabato 19/8/2017
 Visite: 339019
 Oggi: 15

Il Cicolano dei briganti al muro

La sommossa contadina (28 Ottobre 1860)

La Domenica del 28 Ottobre 1860 Giuseppe Di Giovanni, Antonio Calabrese, Antonio Di Sabantonio di Radicaro e Fiore Sallusti, Antonio Saporetti e Giuseppe Antonini del Sambuco, armati di fucili davanti alle rispettive chiese parrocchiali, ordinarono che ogni famiglia doveva mandare un membro a Fiamignano per ricollocare negli uffici pubblici gli stemmi di Francesco II e partecipare alla reazione.I cittadini risposero con entusiasmo all'appello e circa 200 nel pomeriggio raggiunsero il capoluogo.Il Sindaco si rifiutò di consegnare la chiave ma riuscirono ad entrare forzando la porta e liberato l'unico detenuto presente nelle carceri, strapparono e calpestarono gli stemmi di casa Savoia portando in processione quelli del Borbone, in mezzo ad entusiastiche acclamazioni, prima di ricollocarli nei pubblici uffici.

Autore: Edoardo Riccoboni - (Treviso)

Pubblicata il 31/08/2006 alle ore 14:24