• Terra di confine, ricca di storia, rocche e castelli
  • Natura incontaminata, escursioni in montagna, laghi di altura
  • Prodotti tipici e cucina tradizionale per un soggiorno rilassante

Tematiche
My Web

Comune gemellato con Czosn˛w


Web Site Visits
 Sabato 19/8/2017
 Visite: 339061
 Oggi: 57

Il Cicolano dei briganti al muro

L'omicidio (primi di Giugno 1866)

La banda Orfei, formata da 14 individui (Vincenzo Benedetti di Fontefredda, Oreste Angelini del Sambuco, Francesco Martinelli di Fiamignano, Fortunato Di Francesco di S. Salvatore, Francesco Fattore di Mercato, Domenico Falsarone di Brusciano, Gennaro Colasanti di Ponte, altri due di Borgovelino, quattro di Teramo e uno di Ancona) torn˛ ai primi di Giugno 1866 nel Cicolano.
Una notte assalirono la casa di Emilio De Sanctis, sospettato di aver trovato in una grotta alle balze di Macchiatimone denaro e diversi fucili, e, mentre tentava di fuggire, lo uccisero con un colpo di fucile.
Compiuto l'omicidio del diciannovenne di Collaralli andarono al Sambuco e dopo aver preso sigari e tabacco nella rivendita di Berardino Secinari tornarono nei boschi delle Macchiale.

Autore: Gianluca Martucci - (Napoli)

Pubblicata il 31/08/2006 alle ore 13:31