• Terra di confine, ricca di storia, rocche e castelli
  • Natura incontaminata, escursioni in montagna, laghi di altura
  • Prodotti tipici e cucina tradizionale per un soggiorno rilassante

Tematiche
My Web

Comune gemellato con Czosnòw


Web Site Visits
 Sabato 19/8/2017
 Visite: 339062
 Oggi: 58

Il Comune di Fiamignano


La storia di Fiamignano è strettamente legata alle vicende del castello di Poggio Poponesco. Secondo lo storico Dionigi di Alicarnasso, in questo territorio doveva localizzarsi la città romana di Vesbula, come testimonierebbero i ritrovamenti archeologici ed epigrafici riutilizzati in loco per la costruzione nel 1568 del convento dei Cappuccini, edificato su resti di mura poligonali.

Di Vesbula si sa assai poco, pertanto rimangono ignoti il periodo e la causa della sua scompara, avvenuta forse a causa di un terribile terremoto che nel 364 sconvolse gran parte dell'Impero. Nel 591, con la conquista Longobarda operata da Ariolfo, Duca di Spoleto, Fiamignano così come il resto del territorio viene annesso al ducato di Spoleto, costituendo così il castaldato Cicolano.

Nel secolo IX, in seguito alle invasioni saracene, avvenne una totale trasformazione della topografia della zona. I vecchi insediamenti furono abbandonati e cominciarono a sorgere nuovi centri, incastellati in posizione privilegiata per la difesa. Documenti vivi della storia del territorio sono la rocca di Poggio Poponesco, che sorse su speroni rocciosi del monte serra, sulla cui cima era situata la chiesa di Sant'Angelo "In cacumine montis". Intorno alla alta torre del castello di Poggio Poponesco furono costruite case in pietra a protezione della fortificazione e la chiesa di Santa Maria. A valle di Poggio Poponesco si sviluppò il castrum di Fiamignano, uno dei tanti castelli che caratterizzavano la zona in quel periodo. In località Mercato (che sorge al di sotto del castello di Poggio Poponesco), vi erano la curtis e l'antico foro, era il luogo di scambio e di esercizio delle funzioni religiose.

Nel 1226, durante le lotte fra l'imperatore Federico II di Svevia e la Chiesa, il feudo comprendente Fiamignano passò dai Mareri alla famiglia Colonna. Più tardi, con il cambiamento della politica papale nei confronti degli Angioini (di cui i Mareri erano saldi sostenitori), i Mareri cercarono di rientrare in possesso delle loro terre, ma le truppe ribelli distrussero completamente il castello di Poggio Poponesco nel 1283 (oggi rimangono soltanto i resti della torre difensiva e parte delle mura di difesa). Dopo la distruzione, cominciò a svilupparsi l'attuale paese di Fiamignano che con l'avvento di Carlo II D'Angiò, tornò di nuovo ai Mareri, compreso in un territorio molto ridotto rispetto al feudo originario, fino al 1523 quando Maria Costanza Mareri lo vendette al cardinale Pompeo Colonna, vescovo di Rieti. Successivamente passato ai Barberini, rimase ad essi fino al 1700.

Fiamignano e mercato furono per molto tempo una unica entità e solo nel 1853 si ufficializzò la denominazione del comune. Nel 1927 il comune di Fiamignano passò dalla provincia di L’Aquila a quella di Rieti.


Visualizzazione ingrandita della mappa